La pianta parassita che prende il controllo dei geni della pianta ospite

Posted on

Anche questi parassiti, conosciuti più comunemente con il nome di “pidocchi delle piante”, sono molto piccoli e sono molto temuti.

Se, invece, gli afidi sono già riusciti a colpire le vostre piante, potete affidarvi alla lotta biologica, prima di ricorrere alla chimica. La menta (Mentha) è una pianta erbacea, della famiglia delle Labiate, utilizzata sin dall’antichità come pianta aromatica e medicinale. Poiché la menta è una pianta che si sviluppa velocemente, è consigliabile eliminare le infiorescenze appena nate, utilizzando sempre una forbice ben affilata e disinfettata con alcool. Insetti che possono attaccare la menta sono acari, afidi, coleotteri e lepidotteri, da combattere con antiparassitari. Per quanto concerne le stagioni invernali, le piante di menta piperita si caratterizzano per denotare un’ottima predisposizione a sopportare le gelate, quindi possono essere lasciate all’aperto senza particolari problemi. La pianta di menta piperita ha, tra i suoi pregi, anche quello di riuscire a svilupparsi piuttosto facilmente in ogni tipo di clima che rientra all’interno della fascia temperata. La menta piperita, al pari di tantissime altre piante, soffre l’attacco e i pericoli che vengono portati da malattie e da alcuni parassiti. Foto scattata il: August 19th, 2014 Ciao a tutti, ho delle piantine di menta piperita che sono attaccate da parassiti (afidi? Le afidi della mia piantina si presentano come dei piccoli puntini neri raggruppati tra i germogli.

EFFETTUATE TRE TRATTAMENTI SIA IRRORANDO LA PIANTA CHE DISTRIBUITO SUL TERRENO A DISTANZA DI 5 GIORNI , RAFFORZA ANCHE LA RESISTENZA DELLA PIANTA.

  • Mettete nel frullatore l’acqua di cocco e un pezzo di cocco grattugiato.
  • Consumate il latte ottenuto 2 o 3 volte al giorno.

Non dimenticatevi perciò di esaminare frequentemente le vostre piantine per prevenire l’attacco delle afidi o di altri parassiti, soprattutto in primavera, quando i germogli sono più numerosi.

Immergete delle sigarette fumate in due litri d’acqua e lasciate il preparato in infusione per una notte, dopodiché filtratelo e spruzzatelo sulle foglie della pianta. Fai delle verifiche sulle foglie durante tutta la stagione di crescita della pianta per monitorare la presenza di uova, indipendentemente da quale tipo di bruco possa essere. La ruggine delle piante ci mette generalmente parecchio tempo prima di uccidere la vostra pianta: sarà un processo lungo a cui potete porre fine anche con dei rimedi naturali. I danni sono causati dalle femmine che con i loro stiletti perforano i tessuti delle piante e restano attaccate alla pianta nutrendosi dei succhi vegetali, ricchi di zuccheri. Le malattie fungine sono molto rare e spesso invece che distribuire anticrittogamici è meglio asportare la vegetazione colpita e lasciare che la menta emetta nuovi germogli. Circa 2 settimane,fa le punte… Inviato da il 11-06-2014 15:05 buongiorno, sono andata a vedere come si chiamerebbe una pianta sempreverde e mi è saltata fuori : tuia Grazie federica Inviato da il 09-10-2013 12:10 buongiorno sono cesare ho un problema con una pianta da siepe dovrebbe essere lauro. Sulle piante di finocchio e basilico, ci sono piccoli pidocchietti neri, suppongo si tratti di afidi. 2) il suo … Inviato da il 12-10-2012 12:39 Come mai le foglie delle mie piante di cycas continuano a seccarsi ?

NEBULIZZATE LE FOGLIE ATTACCATE DA COCCINIGLIA, PIDOCCHI DELLE PIANTE E AFIDI. IN BASE ALLA QUANTITA’ DI CAPSAICINA CONTENUTA NEL PEPERONCINO POTRETE AVERE EFFETTI PIU’ O MENO EFFICACI.

  • Mettete a scaldare la tazza di latte e scioglietevi un cucchiaio di olio di ricino.
  • Consumate questo rimedio una volta al giorno, per una settimana di seguito.

Ad esempio le coccinelle sono dei guerrieri contro gli afidi, volgarmente conosciuti come ‘i pidocchi delle piante’.

Piante come rosmarino, timo, salvia e menta piantate fra i cavoli allontanano la cavolaia, una farfalla che si nutre proprio delle foglie dei cavoli. Gli afidi secernono una sostanza appiccicosa che attira le formiche e i funghi delle piante, compaiono in ambienti asciutti, soprattutto in primavera ed estate. Per respingere gli afidi possiamo piantare nell’orto delle ottime erbe aromatiche come il basilico, il rosmarino, la lavanda, la menta, la melissa, la salvia e il coriandolo. Alcune di queste piante sono delle aromatiche semplici da trovare e da coltivare: la menta, l’aneto, la calendula, il basilico, la borragine e l’achillea millefoglie. Tra i predatori vi sono gli insetti entomofagi che spesso depongono le loro uova in prossimità delle colonie di afidi come ad esempio i Il periodo ottimale per la talea della menta sono i mesi di marzo, aprile, maggio e settembre, si tratta di una pianta molto semplice da fare attecchire. Il terreno intorno alla pianta di menta deve essere tenuto pulito dalle erbe infestanti, operazione abbastanza semplice visto che la menta è un cespuglio vigoroso e ben compatto. Il terreno della menta non deve essere troppo secco, in periodi di caldo occorre bagnare le piante. Più le piantine di menta sono giovani più soffrono la siccità, per innaffiare al meglio bisogna evitare di bagnare le foglie e far cadere l’acqua direttamente sul terreno.

Come riconoscere un’infestazione da afidi e quali rimedi naturali potete adoperare per proteggere le vostre piante.

  • Esposizione sbagliata
  • Messa a dimora troppo ravvicinata
  • Insufficienza di circolazione dell’aria
  • Annaffiature male somministrate
  • Ristagni d’acqua
  • Eccesso nella somministrazione dei concimi

La pianta della menta ha un vigore straordinario e anche se viene tagliata completamente riesce sempre a rispuntare.

Esistono diversi tipi di menta, ciascuno ha un aroma diverso, più o meno intenso, anche se sono tutti accomunati dal gusto fresco che caratterizza le foglie di questa pianta. Afidi, acari, cocciniglie e altri fitofagi possono recare danni anche seri sulle nostre piante se non debitamente contrastati. Nei giorni successivi, gli ho dato qualcuna delle foglie più bruttine della pianta, e anche di altre piante, per fare un pò di esperimenti e capire. La menta conosciuta anche con il nome di menta piperita è una pianta erbacea che fa parte della famiglia delle Labiate. La semina della pianta di menta piperita si effettua nel periodo autunnale o in quello primaverile. La pianta di menta vegeta bene in molti tipi di terreno, tuttavia terreni abbastanza umidi possono favorire di molto lo sviluppo della vegetazione. Tra le malattie crittogamiche che possono colpire la pianta di menta: La pianta di menta piperita è molto simile alla menta comune (mentastro verde) che si può ritrovare anche spontanea in collina e zone pedemontane. Tuttavia nonostante la somiglianza la menta piperita è forse quella più diffusa come pianta coltivata.

Malattie e parassiti di insetto delle foglie della menta piperita

La pianta di menta ha un’infiorescenza a forma di spiga di piccoli fiori irregolari il cui colore può variare dal bianco al rosa al viola.

Coltivazione Come detto prima, la menta è una pianta molto tenace che non necessita di particolari cure e quindi si coltiva facilmente. Non ci sono rimedi efficaci contro questo tipo di malattia, quindi è consigliabile eliminare completamente la pianta dal proprio giardino per evitare che l’infezione si propaghi. L’olio essenziale di menta è ricavato dalla Mentha piperita, una pianta della famiglia delle Lamiaceae. Gli antiparassitari naturali sono rimedi biologici per le piante che aiutano a combattere alcuni insetti infestanti come per esempio gli afidi, detti anche pidocchi. Allo stesso modo anche la pianta di prezzemolo e i girasoli attirano le vespe che si nutrono di afidi e insetti che saltano sulle foglie. Issopo, timo, menta e salvia sono tra le piante aromatiche più indicate per allontanare gli insetti molesti dalle piante dell’orto, per esempio proteggono i cavoli dalla cavolaia. Ecco alcuni estratti efficaci contro i parassiti delle piante: foto ideegreen.it Sono numerose le specie di parassiti che possono attaccare le vostre piante nell’orto o nel giardino. Tra i più comuni: Gli afidi sono insetti minuscoli chiamati anche pidocchi delle piante. Alcune specie di acari depongono anche le uova ma va detto che non tutte sono dannose dato che alcune vengono utilizzate al contrario come antiparassitari biologici per piante. In ogni caso è importante eliminare immediatamente le parti della pianta infestate, tagliando le foglie che sono state attaccate dal parassita e allontanando quelle che sono già cadute. Una pianta colpita da afidi perde energia e appassisce molto velocemente, insieme alle foglie che diventano gialle in poco tempo e cadono. Con questo si andranno a bagnare le foglie delle piante assalite dai parassiti o afidi che siano. Eliminare Insetti e Parassiti Piante in Modo Naturale Avete notato sulle vostre piante ornamentali delle chiazze bianche come la neve? Il mal bianco si manifesta con delle chiazze o macchie bianche pulverulente su alcune parti della pianta colpita, come foglie, fiori, boccioli, gemme e frutti in via di maturazione. Per evitare lo svernamento delle spore durante la primavera o l’estate, dalla pianta vanno allontanate e preferibilmente bruciate, parti marciscenti o secche, come rami, foglie, petali e frutti.