Le malattie dei pesci d’acquario

Posted on

Anche questi parassiti, conosciuti più comunemente con il nome di “pidocchi delle piante”, sono molto piccoli e sono molto temuti.

Le daphnie sono dei piccoli crostacei che popolano gli specchi d’acqua ferma, molto spesso stagnante. Spesso vengono portate in acquario con le piante, principalmente con il muschio, ed essendo notturni è facile vederli strisciare sui vetri e sul fondo quando le luci sono spente. Capita spesso di trovarli nelle fontane, negli stagni e anche in acquario ci sono discrete probabilità di vederli. Anche loro sono poco adatte per l’insediamento di una colonia autonoma in acquario. Stiamo parlando di organismi microscopici, come ad esempio i Parameci e i Rotiferi, anche se questi ultimi a volte sono osservabili come una polverina leggera in acqua. Sono organismi tanto piccoli quanto utili, infatti sono la prima fonte di nutrimento delle larve di tutte le specie, dai crostacei filtratori ai pesci. Aggiungo altri piccoli organismi che si possono trovare in acquario, grazie agli interventi di Ale87tv: La maturazione dell’acquario marino e’ davvero, affascinante, un sacco di cambiamenti e nuove scoperte giorno dopo giorno. ANGOLAND 28-04-2012, 17:29 Bon apeti’-) mi sono informato sulla funzione degli oligocheti in acquario ed è una cosa straordinaria quello che fanno…………

Responsabili dell’infezione sono gli ossiuri, dei piccoli vermi nelle feci di colore bianco. Principalmente essa si contrae per ingerimento inconsapevole delle uova dei vermi.

  • nuoto: lo stiramento e l’allentamento di particolari muscoli determina un movimento ondulatorio del corpo che facendo leva sull’acqua provoca il movimento.

Per fortuna i parassiti dei pesci d’acquario più aggressivi sono visibili all’occhio vigile dell’acquariofilo.

I parassiti più pericolosi e facilmente riconoscibili che attaccano i pesci d’acquario sono 2: il Gyrodactylus e il Dactylogyrus. Non solo sono inutili in un acquario marino, ma possono causare degli accumuli di nitrati al loro interno e danneggiare l’acquario. Può essere usata l’acqua del rubinetto, ma poi il tuo acquario sarà in balia di tutte le sostanze chimiche che possono essere contenute. Le alghe sono comuni per i primi sei mesi di vita del tuo acquario, quindi non allarmarti se individui delle nuove fioriture. Quando l’acquario avrà raggiunto la stabilità puoi ridurre i cambi di acqua. Assicurati che la nuova acqua sia stata portata alla stessa temperatura di quella presente nell’acquario prima di aggiungerla. Sono piccoli animaletti (ad occhio nudo si presentano come puntini bianchi di colore chiaro) che brulicano sulle rocce, sulla sabbia o sul vetro della vasca. Sono rari in acquario di solito si trovano nascosti nella sabbia e in piccoli acquari possono mangiare praticamente di tutto. Trattare con i parassiti è una parte inevitabile quando si allestisce un acquario marino.

Parassiti in Acquario Marino

  • Se puoi aspettare fino alla nascita dei nuovi esemplari, puoi iniziare con circa 150 vermi.

Il modo più comune per cui i vermi entrano in acquario marino è attraverso le rocce vive.

Trattamento e prevenzione Se si verifica un problema con i vermi nel vostro acquario di acqua salata, potrebbe essere necessario preparare una trappola per la loro cattura. La trappola esiste in diverse forme ed in diverse dimensioni, per venire incontro alle varie tipologie di acquario marino. I colori sono sgargianti, ma ovviamente non devono essere lasciate in acquario a lungo. Altre cause comuni di malattie dei pesci d’acquario comprendono patogeni parassiti e batteri che entrano nella vasca o da una dieta povera di qualità. Applicazioni: Acquario Marino/Dolce Trappola universale per granchi, idrobidi e vermi pelosi, per acquari d’acqua dolce e marina. Come tutti i poecilidi anche i platy sono facili da riprodurre, avendo sempre cura di inserire in acquario una giusta proporzione di maschi e femmine. Sono pesci di superficie, e tendono infatti a occupare la parte superiore dell’acquario. Ricordate che non sono pesci pulitori: non saranno loro a tenere pulito il fondo dell’acquario. 375 I parassiti sono esseri viventi esterni portati in acquario solitamente nel momento in cui inseriamo nuove piante o nuovi pesci.

Sognare vermi nell’acqua: per questo sogno consiglio un’attenta lettura dell’articolo susognare acqua sporca.

  • Cambia le fette di cibo, se ti sembrano ammuffite.
  • Mantieni la temperatura sui 21-23 gradi.
  • Rimuovi i vermi ed i coleotteri morti e scartali.

Le prede vive d’allevamento sono uno dei migliori alimenti che si possono dare ai pesci dell’acquario.

I vermi si raggruppano sui cocci ed è sufficiente toglierli e immergerli nell’acqua dell’acquario per nutrire i pesci. Indipendentemente dalla calza che avete nel vostro acquario – vermi bianchi e lumache vivono quasi sempre nella vasca. Nematodi: Questi sembrano piccoli fili nell’acqua dell’acquario. Lumache: Non possono essere lunghi vermi bianchi, ma non sono graditi nell’acquario. Le lunghe lumache appuntite vivono nel sottosuolo dell’acquario e sono importanti quanto i lombrichi del giardino. Poiché Artemia vive in acqua salata, i vermi indesiderabili, che si trovano anche in una coltura di artemia, non sono praticabili nell’acqua dolce dell’acquario. L’esca non deve rimanere in acqua per più di un’ ora, altrimenti i lunghi vermi bianchi sono pieni e migreranno nell’acquario. Per ogni dubbio o necessità di aiuto potete rivolgervi al forum, sezione “il mio primo acquario di acqua dolce“. Spesso si sente affermare che la gestione dell’ acquario marino, ed in particolare quello di barriera, sia molto difficoltosa.

Come fare contro i vermi in acquario marino

Un interruttore galleggiante da il consenso ad una piccola pompa che immette l’acqua nell’ acquario.

Potrebbero essere una buon compromesso, soprattutto nell’ acquario di barriera dove la quantità di sostanze da eliminare non sono, tutto sommato, eccessive. L’ACQUA L’ acqua presente negli impianti delle abitazioni non è quasi mai adatta per l’ uso in un acquario di barriera (varia a seconda delle zone). Va somministrata all’acquario lentamente (goccia a goccia), in sostituzione dell’ acqua evaporata. Profilo Completo Profilo Dalla foto non si capisce molto ma, se sono bianchi e di dimensioni molto contenute (2-5 mm) dovrebbero essere dei , anellidi molto comuni e per nulla pericolosi. Alcune specie rimangono di taglia piccola, altre anche in acquario diventano troppo grandi e si trasformano in autentici killer pronti a predare pesci e invertebrati. Gli Pseudocerotidi sono tutti carnivori e sopravvivono in acquario se posso soddisfare le loro esigenze nutrizionali, delle quali tuttavia non si sa molto. Se si vuole fare in modo che le esigenze nutrizionali dei pesci tropicali d’acquario siano soddisfatte, si dovrebbe essere pronti ad offrir loro una grande varietà di alimenti. Tipi di cibo vivo Cibo vivo per pesci Oltre a questi alimenti, si può anche offrire ai vostri pesci i vermi (Bloodworms), vermi bianchi e altri piccoli vermi. I vermi bianchi forniscono al pesce i lipidi e i piccoli vermi sono una grande ghiottoneria per i piccoli pesci. Anche se gli alimenti commerciali sono una buona scelta per i pesci d’acquario, bisogno sapere di alcuni inconvenienti. Offrendo ai vostri pesci d’acqua dolce in acquario una dieta sana è una delle cose più importanti che potete fare per farli rimanere in buona salute. Le vitamine come la biotina, è una vitamina B, vari minerali sono talvolta aggiunti agli alimenti per contribuire a rafforzare il metabolismo dei pesci in acquario. Mentre macchie bianche sul vetro di un acquario marino possono essere sgradevoli, e talvolta difficile da rimuovere, sono solitamente segni di un acquario sano. Essi prosperano solo in acquari sani e vederli sul vetro è un buon segno che si sta prendendo cura adeguata dell’ambiente acquario. Un altro animale comune che può fare puntini bianchi sul vetro di un acquario marino sono piccoli vermi calcarei, nel senso che usano il calcio per costruire i loro gusci.